Benvenuto,

Benvenuto nel blog qui trovi

Cucina vegan, Yoga, Rimedi naturali, Autoproduzione, Stile vegan, Impressioni di lettura, Mandàla per l'anima, Animali si nasce, Caro amico ti scrivo

Da questo blog puoi prelevare tutto quello che ti piace, se pubblichi, per correttezza nei confronti delle fonti da cui attingo, ricordati di citare l'autore che trovi in calce ai post. Grazie.


.

domenica 10 marzo 2013

Pinolata Improvvisata


Ingredienti:
400 ml latte riso
250 ml panna di soia
100 gr zucchero canna chiaro
90 gr farina
10 gr maizena
30 gr pinoli
1 limone buccia grattugiata
1 pizzico curcuma (per il colore)
1 pasta sfoglia vegan (se volte anche 2)
2 cucchiai (da minestra) zucchero canna chiaro

Attrezzi:
casseruola, dosa liquidi, pesa alimenti, frusta, cara forno, alluminio, tortiera tipo crostata con fondo estraibile, setaccio, frullatore omogenizzatore


1 ora+raffreddamentofacile      
Preparazione:
preriscaldate il forno a 170° cottura statica;
miscelate nella casseruola zucchero, farina, maizena, curcuma, buccia limone;
mescolando con la frusta, incorporate poco alla volta il latte (per non creare grumi);
ponete sul fuoco a cuocere, mescolando continuamente con la frusta, fate rassodare consistenza ferma;
ritirate dal fuoco ed incorporate la panna;
stendete la pasta sfoglia nella teglia (per un effetto più scenografico sovrapponete 2 pasta sfoglia, che ripiegherete in senso opposto l'una all'altra);
distribuite la crema nella sfoglia;
distribuite a pioggia i pinoli;


coprite la teglia con foglio di alluminio e ponete a cuocere in forno (ripiano medio basso) per 35 minuti;
scoprite e proseguite la cottura per 5-10 minuti per far dorare;
lasciate raffreddare la torta in forno spento per 5 minuti;
sfornate e lasciate intiepidire sulla gratella prima di sformare;
polverizzate nel mixer i 2 cucchiai di zucchero;
distribuite sulla torta con il colino.


Liberamente tratta da: la Crema Pasticcera Vegan Cucina Figoo, l'insieme della torta la pinolata ligure

Note di redazione: 
la pinolata ligure prevede la base di frolla e secondo le ricette (più facilmente nelle pinolatine monoporzione) un coperchio di frolla più sottile (inciso).
Ho preferito usare il latte di riso perché conferisce particolare dolcezza e leggerezza.
Poiché sono reduce dall'artroscopia al ginocchio ho fatto con quello che avevo in casa.


Mimma, nel suo blog Pasticci & Pasticcini di Mimma, ha lanciato il suo primo contest Me lo porto in ufficio!!! 

3 commenti:

  1. AUGURI ^_^ un po' in ritardo
    Golosissima questa ua torta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cesca, grazie mille degli auguri e dei complimenti. Un abbraccione.☺
      MMM

      Elimina
  2. buonissima ed energetica!!!
    inserita!!!

    RispondiElimina

I Post Recenti

I Primi Post